Migrazione

9 aprile 2018 Federico Robba 0 commenti postato in piccolo dizionario illustrato

Maratona sul divano: quanti episodi consecutivi guardi?

19 febbraio 2018 Arianna Basciu 0 commenti postato in serie tv

Negli ultimi decenni la gente ha cominciato a guardare sempre più serie TV, a vedersi passare davanti agli occhi attori, scenari e tanto altro, continuamente, senza nemmeno accorgersene. Le persone si sono abituate a questo e, talvolta, non riescono più a farne a meno.

Questo fenomeno, che viene chiamato “binge-watching”, coinvolge persone molto diverse tra loro, anche se la fascia più consistente riguarda i ragazzi tra i 14 e i 25 anni. Gli studenti del nostro Liceo appartengono proprio a questa fetta di popolazione, per questo può essere interessante parlare di qualcuno dei titoli più famosi.

Dallo spirito critico alle idee sbagliate sul medioevo: la storia del passato raccontata da chi la riconosce nel presente

14 febbraio 2018 Francesco Ledda 0 commenti postato in interviste

Docente ordinario di Storia medievale presso l'Università degli Studi del Piemonte Orientale ed esperto di quella militare, il professor Alessandro Barbero è sicuramente uno degli storici più conosciuti in Italia e vanta numerose collaborazioni con alcuni dei volti più noti della divulgazione come Piero Angela, Paolo Mieli e Corrado Augias. Presente a tutti i maggiori festival culturali, autore di numerose pubblicazioni  e vincitore del ‘’Premio Strega’’ nel ’96 con il libro Bella vita e guerre altrui di Mr. Pyle, gentiluomo, il professore terrà alcuni interventi qui a Cagliari il 21 e il 22 febbraio prossimi. Vista la favorevole opportunità di imparare qualcosa, dopo aver prenotato qualche biglietto, noi di Novus abbiamo anticipato l’occasione e gli abbiamo posto qualche domanda riguardo la sua passione per la storia.

Pro o contro: Settimana a tema - prof. Macaluso e prof.ssa Gaias

25 maggio 2017 Lorenzo Zucca 0 commenti postato in interviste, pro o contro

Oramai cinque mesi fa si è svolta nel nostro istituto l’attività “Pacinotti a tema”, in parole povere la settimana a tema autogestita dagli studenti che, nonostante la durata di soli quattro giorni, ha avuto un buon riscontro favorevole tra gli studenti per attività ed organizzazione generale (è vero, non sono mancati disservizi, ma nulla di così tragicamente irrimediabile). Se l’idea è piaciuta alla “base” studentesca, è stato altrettanto per i docenti? Per scoprirlo, ci siamo rivolti al professor Macaluso, di Storia e Filosofia, e alla professoressa Gaias, di Matematica e Fisica. Le loro posizioni sono diverse, come vedremo. Ma l’intervista si è allargata anche al più grande universo del rapporto tra docenti e studenti, nonché del significato dell’insegnamento in quest’epoca che si trasforma anche in questo campo.

Non è tutto come sembra... - Deep Web #1

25 maggio 2017 Federico Meloni 0 commenti postato in informatica

Viviamo in un mondo ultra-connesso, nel quale noi stessi siamo sempre connessi.

Interroghiamo Google come se fosse un oracolo, possiamo chiedergli di risolvere un esercizio di fisica, come si traduce un costrutto latino o la ricetta per fare la pasta al forno della nonna e lui saprà sempre darci la risposta giusta.

Ma se ti dicessero che ciò che trovi sul web è meno del 2% di ciò che c’è in rete?

Questa mole infinita di petabyte (1 biliardo di byte = 1000 terabyte, ndr) può sul serio essere una cifra così irrisoria nell’ecosistema di Internet?

Il Manifesto della comunicazione non ostile

25 maggio 2017 Redazione 0 commenti postato in comunicazioni, novus

Il nostro Blog-Giornalino Novus, recepisce e adotta, condividendolo pienamente, il Manifesto della Comunicazione Non Ostile, elaborato a più mani e promosso dalla community di Parole O_Stili.

Studenti e mondo del lavoro: alternanza d'illusioni?

25 maggio 2017 Chiara Cocco 0 commenti postato in scuola

 L'Alternanza scuola lavoro è una delle innovazioni portate dalla legge 107 del 2015 (la Buona Scuola). E' attiva negli istituti scolastici italiani già da due anni, ma continua a far discutere studenti e professori sulla sua effettiva utilità.

In breve, è un progetto che coinvolge tutti gli studenti dei trienni degli istituti superiori italiani, che sono tenuti a coprire, nel corso dei tre anni, 200 ore (per quanto riguarda i licei) di attività lavorativa presso varie aziende. A partire dalla maturità 2019, la terza prova (il “quizzone”) sarà sostituita da una presentazione dello studente sulle attività di alternanza scuola lavoro svolte. Aver totalizzato le 200 ore sarà infatti uno dei requisiti per l'ammissione all'esame stesso.

Alla scoperta di chi lavora per la nostra scuola: Carla, la segretaria

25 maggio 2017 Lorenzo Zucca 0 commenti postato in interviste

Vi siete mai chiesti se il nostro Istituto avesse una segretaria? O magari ipotizzavate di sì ma non vi siete mai chiesti dove fosse il suo ufficio? O magari sapete tutto questo ma non avete mai avuto la possibilità di scambiare quattro chiacchere con lei e conoscere qualcosa di più che il suo nome? Bene, è arrivato il momento giusto! Mettetevi comodi, se potete, e fate attenzione. La nostra segretaria, Carla Spensatello, cagliaritana, classe 1962, è sempre a disposizione nel suo ufficio al primo piano, ovviamente in via Liguria. Disponibile anche se piena di impegni (basti guardare la mole di documenti e carte istituzionali sulla sua scrivania), è un elemento cardine ed una colonna per il buon funzionamento di quell'intricato sistema burocratico che è una Scuola Superiore. Ma conosciamola meglio.

Antonio Pacinotti, lo scienziato che dà il nome al nostro Liceo

25 maggio 2017 Davide Anedda 0 commenti postato in pacinotti

Antonio Pacinotti, nato a Pisa il 17 giugno 1841, fu un fisico ed inventore di numerosi strumenti, tra i quali quello più rilevante è la dinamo: una macchina in grado di trasformare il lavoro meccanico in corrente continua.

Nel 1859 partecipò alla Seconda Guerra di Indipendenza come sergente volontario. Finita la guerra tornò agli studi universitari e si laureò in matematica a Pisa, nel 1873 insegnò in qualità di professore di fisica nell’Università di Cagliari, qui conobbe Maria Grazia Sequi Salazar, una ragazza di ventitré anni più giovane di lui, che sposò il 29 aprile 1882.

Intervista al prof. Vinicio Garau

25 maggio 2017 Medea Mascia 1 commento postato in interviste

Quella che segue è un'intervista fatta lo scorso mese di maggio al prof. Vinicio Garau, che ci ha lasciato oggi 18 novembre 2017. Così lo vogliamo ricordare.