NOVUS 2020 VENTIVENTI

12 settembre 2019 Massimo Pettinau 0 commenti postato in pacinotti, scuola

Non faccio che vivere ed è già tutto diverso.

Sembra sempre di ripetere un copione già scritto da altri e interpretato da noi tante volte. Inizia la scuola: campana, aula, banco, compagni, insegnanti, lezioni, verifiche.

Nulla, mai, è però come prima.

Tanti di noi sanno che basta un giorno, un’ora, un respiro, uno sguardo, una melodia e il ritmo vitale cambia, tutto è diverso. E anche questo nuovo anno scolastico lo è. Non siamo quelli di poche settimane fa, non siamo quelli dell’anno scorso. Non solo per i cambiamenti di classe o per la crescita anagrafica inevitabile. Siamo stati accanto a persone che avevano bisogno di noi o abbiamo dedicato più tempo a noi stessi. Abbiamo letto tanto o non abbiamo staccato i nostri occhi dalle immagini che ci arrivavano senza sosta sugli schermi. Abbiamo visto posti nuovi o abbiamo scoperto novità profonde dentro di noi e accanto a noi senza spostarci da qui, da quella meravigliosa terra che è la nostra Sardegna. Abbiamo trovato quello che cercavamo o siamo ancora in ricerca.

Love on the brain

21 maggio 2019 Andreea Doloc 0 commenti postato in varie

La tachicardia, i palmi delle mani che sudano, le guance che arrossiscono…non si tratta di un colpo di calore, no, ma dei “sintomi” di un fenomeno particolare che inevitabilmente colpisce un po’ tutti, chi prima chi poi: l’innamoramento.

Espressione dell’io emotivo dei poeti di tutte le epoche, questo sentimento è forse da considerarsi il più nobile fra tutti; Primo Mobile dell’animo, essenza fondante su cui si poggia la sfera dei sentimenti, questo concetto trascende ogni razionalità per descrivere quel che alla ragione rimane occulto. Ognuno lo percepisce in modo diverso e ognuno ne dà una diversa interpretazione, ma ciò che rimane invariato è l’effetto che crea in tutti quelli che lo sperimentano.

Chi è? Intervista con incognita #2

14 marzo 2019 Lorenzo Zucca 0 commenti postato in interviste, pacinotti

Il nostro liceo vanta un alto numero di studenti e di docenti: i primi percorrono ogni giorno gli atri del Pacinotti per circa cinque anni, gli altri conoscono ormai a memoria ogni angolo dell'edificio e i suoi segreti.

Alcuni professori ci sono da decine d’anni, altri da molti di meno. Gran parte dei professori della scuola sono infatti ormai dei veri e propri "miti", per questo abbiamo deciso di continuare a sentirli, riservandoci di svelare la loro identità nell’intervista successiva.

La prima intervista del giornalino era stata dedicata al compianto professor Vinicio Garau, quella di oggi è tutta da scoprire. Oggi facciamo quattro domande a….

Metafisica nucleare al CERN… uno sguardo all’insegna dell’umorismo

7 marzo 2019 Arianna Basciu 0 commenti postato in pacinotti, scuola

Tre settimane di amori, umori, dolori e sapori per noi studenti del Pacinotti al di là della fisica e della ricerca nucleare in momenti di vita irripetibili.

Tre settimane che abbiamo passato a Ginevra, nello stato di Quiparliamosolofrancesearrangiati.

Ottovolante #2

2 marzo 2019 Miriam Maninchedda 0 commenti postato in interviste, ottovolante, vecchie glorie

Oggi intervistiamo Rebecca Argentero, studentessa di 21 anni iscritta alla Ca’ Foscari a Venezia (terzo anno). Il suo corso di laurea si chiama Philosophy, International studies and Economics, una triennale multidisciplinare il cui scopo è di darti una conoscenza a tutto tondo delle modalità con cui la realtà odierna funziona avendo a disposizione, come si può intendere dal nome, una base di conoscenza economica, politica e filosofica.

Guida alle olimpiadi

27 febbraio 2019 Andreea Doloc 0 commenti postato in scuola, varie

Le Olimpiadi, da sempre, sono state occasione di incontro, dimostrazione di abilità e competizione, ma anche lavoro di squadra. Ebbene sì, perché nel contesto scolastico fare Olimpiadi significa non solo mettersi in gioco, ma anche saper mettere a disposizione di un team il proprio cervello, lavorare insieme per il raggiungimento di un obiettivo comune, che sia esso la vittoria o semplicemente la soddisfazione di aver partecipato mettendo in tavola le carte migliori. Sebbene le Olimpiadi prediligano l’individualità, possono rappresentare un fattore di coesione fra studenti, non circoscritto soltanto alla competizione, ma esteso anche ai rapporti umani che spesso ne derivano. Le Olimpiadi sono un ottimo modo di iniziare il percorso Liceale, poiché offrono immediato contatto con gli altri, e tutti sono coinvolti, dai ragazzi di prima a quelli di quinta.

I più piccoli imparano dai più grandi, sviluppando da subito un sano spirito competitivo; i più grandi invece guidano i più piccoli e li aiutano a orientarsi in un ambiente ancora nuovo.

Mondi paralleli

24 febbraio 2019 Laura Muscas 0 commenti postato in internet, mondi paralleli

Tutti coloro che leggeranno questo articolo molto probabilmente appartengono alla nuova generazione che ha sempre conosciuto ed usato strumenti tecnologici come telefoni, computer o tablet. Persone che non hanno la più pallida idea di come si viva senza i social o le telefonate o google, ma una di loro, la sottoscritta, si è immolata per provare a vivere senza cellulare per due giorni.

Autonomia o indipendenza per la nostra Sardegna?

28 gennaio 2019 Michele Dessena e Francesco Ledda 0 commenti postato in approfondimenti, pro o contro

A questa domanda, da secoli, i nostri antenati hanno dato la loro risposta, non sempre unitaria e lineare. Ancora oggi il dibattito, la riflessione e l’approfondimento su questi temi, così attuali per la nostra Isola, sono tutt’altro che conclusi.

Anche noi di NOVUS vogliamo offrire il nostro contributo a questa discussione, dando la parola a due insegnanti della nostra scuola, entrambi docenti di Filosofia e Storia: la professoressa Rita Saiu e il professor Stefano Soi.