Alla scoperta di chi lavora per la nostra scuola: Carla, la segretaria

25 maggio 2017 Lorenzo Zucca0 commenti postato in interviste

Vi siete mai chiesti se il nostro Istituto avesse una segretaria? O magari ipotizzavate di sì ma non vi siete mai chiesti dove fosse il suo ufficio? O magari sapete tutto questo ma non avete mai avuto la possibilità di scambiare quattro chiacchere con lei e conoscere qualcosa di più che il suo nome? Bene, è arrivato il momento giusto! Mettetevi comodi, se potete, e fate attenzione. La nostra segretaria, Carla Spensatello, cagliaritana, classe 1962, è sempre a disposizione nel suo ufficio al primo piano, ovviamente in via Liguria. Disponibile anche se piena di impegni (basti guardare la mole di documenti e carte istituzionali sulla sua scrivania), è un elemento cardine ed una colonna per il buon funzionamento di quell'intricato sistema burocratico che è una Scuola Superiore. Ma conosciamola meglio.

In cosa consiste il suo lavoro?

“Ho vari incarichi: sovrintendo le attività degli uffici di segreteria; predispongo gli atti; assegno compiti e turni ai collaboratori scolastici, i bidelli per intenderci; coordino le competenze degli altri collaboratori. Provvedo anche e soprattutto, assieme alla preside, al bilancio e alla contabilità dell’Istituto, approvo i progetti scolastici e valuto gli acquisti per la scuola.”

Un compito di responsabilità.

"Molta responsabilità!"

Qual è l’ambiente in cui lavora?

“Si lavora in un bell’ambiente, tranquillo.”

Qual è il suo rapporto con noi studenti?

“Sono sempre a vostra disposizione, e nei limiti del possibile cerco sempre di accontentare le esigenze, magari di spazi per le attività, anche quando le chiedete all’ultimo minuto, o per acquisti e progetti. Questo con voi è un rapporto importantissimo e lo nutro volentieri.”

Lorenzo Zucca

Il chierico dell'Istituto, ama il latino ma sbaglia spesso le declinazioni. Nei suoi (pochi) momenti liberi si diletta negli hobby più disparati, dalla scrittura al canto passando per l'informatica: non prendetelo mai troppo sul serio.
Vincitore della seconda edizione del concorso letterario "Pipino e il re del mondo" con il racconto "Sia fatta la tua volontà"

Aggiungi un commento